Sharing

REALIZZAZIONE DI UN PIATTO A BASSO IMPATTO ECOLOGICO

Oggi vi suggeriamo una ricetta con l’utilizzo di pochi ingredienti e di facile reperibilità. Non richiedono grandi costi di conservazione e di cottura e l’elemento protagonista del nostro piatto è il fagiolo borlotto, un legume che possiamo trovare facilmente e può essere essiccato così da avere una lunga conservazione; questo porta a un grande risparmio dei metodi di conservazione e un abbassamento dei costi di lavorazione. Infatti, a differenza, i fagioli in scatola che troviamo comunemente nei supermercati sono precotti e richiedono tanta mano d’opera; a partire dalla raccolta alla distribuzione nei supermercati. Attraversano diverse fasi, come il lavaggio, la cottura, l’inscatolamento, la pastorizzazione… Durante questi passaggi possono incontrare fattori di rischio come per esempio, un’errata sterilizzazione che non garantisce l’assenza totale di microrganismi che potrebbero portare a intossicazioni acute. Abbiamo perciò scelto di utilizzare fagioli secchi che sono meno rischiosi e non richiedono un grande trattamento e si possono conservare in un ambiente asciutto. 

Poi utilizziamo cipollotti freschi a chilometro zero, che abbassano costi economici, ambientali e sociali; un vantaggio é la possibilità di scegliere e analizzare le caratteristiche organolettiche che ha assunto nel tempo di crescita e di vedere con i nostri occhi il prodotto.

Crema di fagioli e cipollotti caramellati con croccanti crostini di pane raffermo ricetta

Per finire, spieghiamo i metodi che abbiamo deciso di utilizzare.

Per i fagioli una semplice bollitura, riutilizzando l’acqua di cottura anche per altre preparazioni come: brodi, cotture lunghe e per insaporire salse o impasti. Per la guarnizione una semplice stufatura con zucchero grezzo di canna che gli dona un colore ambrato e infine pane raffermo tostato in padella per dare una nota croccante all’interno del piatto.

É una ricetta considerata salutare, bilanciata nei nutrienti come : proteine, lipidi insaturi, carboidrati e comprende anche vitamine. La fibra è la componente che non apporta calorie ma permette alla persona di saziarsi. È una semplice ricetta, facilmente realizzabile e può essere la base di altre preparazioni come zuppe, creme e paste. Il piatto completo può essere conservato per 3-4 giorni a temperature fredde (4 gradi).

Boselli Barbara e Guariglia Elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: